Il Cenacolo

Representing articulated religious scenes is never an easy task. Furthermore, trying to avoid excessive combinations or being influenced by the great masterpieces of the Renaissance period is almost impossible. Here the artist’s decision is to make the scene according to a scheme rarely used for The Last Supper. The diners are seated around a table, like the Bretons and King Arthur’s Knights of the Round Table, and in his style, Mirkó adapts the figures and colours to the shape of the vase thus making everything harmonious, relying on just a soft glaze and not bright colours to facilitate the reading of his work, down to the finest and smallest detail. At the centre of the scene, to the back of the table, seated with the others, there is a man, a man who has been condemned to death, but who will soon become a god. Moreover, imposed by size and geometry, the inversion of the pratagonists here is fundamental, even if the Apostles are seated in the foreground, they are of minor stature to that of Jesus, simply because even before his religion was founded in his name, even before his words became a sacred text, this man was already great, his soul was immense, and this is the artist’s message.
Scene religiose così articolate non sono mai semplici da rappresentare. Inoltre bisogna tentare di evitare eccessivi accostamenti ai grandi capolavori dell’arte rinascimentale, anche se è impossibile non tener conto della loro influenza. Qui l’artista decide di comporre la scena secondo uno schema raramente utilizzato per l’Ultima Cena. I commensali si trovano intorno ad un tavolo rotondo, come i cavalieri dei cicli bretoni o arturiani, e non rettangolare come vuole l’iconologia classica. Seguendo il suo stile, Mirkò adegua le figure e i colori alla forma del vaso, rendendo tutto armonioso, e sceglie di non usare toni accesi, affidandosi ad uno smalto poco lucido, per facilitare la lettura dell’opera fin nei minimi particolari.  Al centro della scena, in fondo al tavolo, c’è un condannato a morte, che per ora è seduto tra gli uomini, ma che presto diventerà un dio. Particolare fondamentale è l’inversione della prospettiva dei protagonisti. Pur se in primo piano, gli apostoli vengono rappresentati di statura inferiore a quella di Gesù, che si impone per dimensione e geometria. Prima ancora che in suo nome si fondasse una religione, prima ancora che le sue parole diventassero un testo sacro, quest’uomo era già grande, perché grande era la statura della sua anima. Questo il messaggio dell’artista.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Francesco Collano