Le forme e gli smalti

The enamels and shapes

A potter could be described as the bridge between man and earth. To begin with the clay is molded then it evolves and so becomes a refined form of art . Pottery was always considered, though wrongly, “minor art”, but its appeal is undeniable. With ceramics it is possible to move away from the two-dimensionality of painting without sacrificing the expressiveness of colour.
After identifying his style and artistic language, Mirkò found the need to change the expressiveness on that which he paints, to shape ceramics that adhere fully to his narrative requirements. He then turned his attention to vascular forms, increasingly bold, sometimes of an anthropomorphic or zoomorphic character.
Having established the form, to reproduce his artistic message even further, Mirkò knew that the enamel he required could not be of industrial production, so he decided to find one best suited to his expressive needs and began a meticulous research, which led him to develop products that were more appealing. This is why his enamels are creamy and bright, suitable for strong colours, but with personality, able to cope with gaps and absence of colour.
The brushstrokes of Mirkò wrap completely around the ceramic forms created by him, It is almost as if his brushes and colours mold the clay, satisfying the needs of a colour or a shape which are vital.

Il ceramista è un ponte tra l’uomo e la terra. L’argilla plasmata si evolve e si eleva verso raffinate forme artistiche. La ceramica è stata sempre considerata, ingiustamente, “arte minore”, ma il suo fascino è indiscutibile. Attraverso la ceramica è possibile uscire realmente dalla bidimensionalità della pittura senza dover rinunciare all’espressività del colore.  Dopo aver individuato il suo stile, dopo aver stabilizzato il suo linguaggio artistico, Mirkò avverte la necessità di modificare lo spazio espressivo sul quale dipinge, di plasmare ceramiche che aderiscano completamente alle sue esigenze narrative. Rivolge quindi la sua attenzione verso forme vascolari sempre più audaci, a volte dal carattere antropomorfo o zoomorfo. Anche le plastiche si avviano verso una stilizzazione personalizzata e originale. Stabilita la forma, è il momento dello smalto, in alcuni casi protagonista indiscusso della ceramica. Mirkò capisce di non poter affidare ad uno smalto di produzione industriale il suo messaggio artistico. Decide quindi di individuarne uno più consono alle sue esigenze espressive ed inizia una meticolosa sperimentazione, che lo porterà ad elaborare prodotti sempre più affascinanti. Nascono così smalti cremosi e brillanti, adatti ai colori forti e decisi usati dall’artista, ma capaci di reggere con personalità gli spazi vuoti e le assenze di colore.   Le pennellate di Mirkò si avvolgono completamente intorno alle forme ceramiche. Sembra quasi che siano i suoi pennelli e i suoi colori a plasmare la creta, a modificare la forma della terracotta, assecondando le esigenze di un colore o di una figura nella ricerca del suo spazio vitale.